Zelensky pronto ad arrendersi

Nella notte tra il 25 e il 26 febbraio il presidente ucraino Volodomyr Zelensky ha fatto pervenire alla Russia, attraverso l'ambasciata di Cina a Kiev, una proposta di cessate-il-fuoco. Il Cremlino ha immediatamente comunicato le proprie condizioni: – arresto di tutti i nazisti (come il consigliere militare speciale Dmitro Yarosh, il battaglione Azov, e così via); – eliminazione dei nomi delle vie, nonché dei monumenti che glorificano i collaboratori dei nazisti durante la seconda guerra (…)Articolo originale

Lascia un commento

0:00
0:00