Ucraina: la seconda guerra mondiale non è finita

La propaganda della Nato tenta di minimizzare il peso dei neonazisti in Ucraina, ponendolo sullo stesso piano dei gruppuscoli presenti nel resto dell’Occidente. La verità è molto diversa. Negli ultimi trent’anni, in Ucraina, i banderisti hanno gradualmente preso il potere, riscrivendo la storia, formando la gioventù e modificando uno dopo l’altro tutti i simboli dello Stato. Hanno addottrinato un terzo della popolazione e ora costituiscono un terzo delle forze armate. Il loro obiettivo è distruggere la Russia: cercano di farlo con l’aiuto degli straussiani.Articolo originale

Lascia un commento

0:00
0:00