Nel Donbass la miccia è accesa, di Manlio Dinucci

In Ucraina prosegue la partita a scacchi. Gli Stati Uniti preparano un attacco ai due oblast del Donbass, la cui maggioranza della popolazione ha nazionalità russa. Secondo la Costituzione russa, il presidente della Federazione Vladimir Putin ha l'onere di difenderli militarmente. Per evitare di essere ritenuta responsabile della deflagrazione, Mosca ha fatto la sua mossa: ha ritirato le truppe di alcuni chilometri… ma contestualmente ha riconosciuto l'indipendenza delle Repubbliche di Donetsk e di Louhansk, ex oblast ucraini. Washington non può più invocare il rispetto degli Accordi di Minsk perché, “grazie” al presidente Macron, Kiev ha dichiarato di rifiutarne l'applicazione. Il Donbass, la cui secessione ora è legittimata, non può essere invaso perché significherebbe attaccare cittadini russi. Alla fine l'indipendenza delle due nuove repubbliche dovrà essere riconosciuta. Alle prossime mosse (…)Articolo originale

Lascia un commento

0:00
0:00