La Russia più riguardosa verso gli aliyah

Diversamente da quanto il Jerusalem Post ha lasciato intendere il 5 luglio, il ministero della Giustizia russo non ha scritto all'Agenzia Ebraica, ma a una delle sue filiali che svolgono opere sociali. La Russia ha infatti accertato che la filiale si serve delle opere sociali come copertura di operazioni di spionaggio e che recluta scienziati non ebrei. Mosca non si oppone al fatto che gli ebrei russi facciano aliyah, ma al fatto che dei non-ebrei abusino del privilegio per mettersi al (…)Articolo originale

Lascia un commento

0:00
0:00