Il battaglione neonazista ucraino Azov ha costruito uno “stato nello stato” e disprezza sia la Russia che l’Occidente liberale

Logo del Battaglione Azov è una runa utilizzata dalle SS come mostrina militare (il gancio di Lupo), che è anche un simbolo del neofascismo e neonazismo a livello mondiale.

Per gli azoviti, l'attuale conflitto russo-ucraino è diventato la "battaglia finale" molto escatologica raffigurata nell'opera di Wagner. Deve essere condotto contro i russi e l'Occidente liberale, che non vuole fornire abbastanza assistenza militare o entrare in uno scontro aperto con Mosca. Se necessario, sarà persino condotto contro il suo stesso governo, che ha promesso di evacuare i difensori di Azovstal ma non ha mantenuto la parola.

Il reggimento ucraino aderisce al proprio marchio di “Idea Nazionale”, vagamente modellato sull’Italia di Mussolini

Nonostante la resa del reggimento Azov presso l’acciaieria di Azovstal durante i combattimenti a Mariupol, il mese scorso, la leggenda di questa unità si è rivelata duratura. Il comando ucraino ha già annunciato che nuove forze speciali Azov saranno create a Kharkov e Kiev.
Allo stesso tempo, è stato effettuato un parziale cambiamento del marchio. Un simbolo araldico medievale – un tridente (lo stemma dell’Ucraina) composto da tre spade – è ora raffigurato sulle insegne del “nuovo” Azov al posto dello stilizzato Wolfsangel (“gancio del lupo”) che ha attirato così tante critiche non solo dalla Russia, ma anche dall’Occidente e dai compagni ucraini.

Questa condanna è per una buona ragione, poiché il simbolo è stato usato sui risvolti delle divisioni Das Reich e Landstorm Nederland delle SS, così come il logo del partito nazista olandese.
Gli Azoviti hanno respinto tutte queste accuse, sostenendo che il loro simbolo reggimentale non era un Wolfsangel, ma piuttosto le prime lettere della frase “Idea nazionale”, presumibilmente scritta nel vecchio alfabeto ucraino, che era un mix di lettere cirilliche e latine. E questo non è il primo rebranding di Azov: un tempo, il “gancio del lupo” sulle loro insegne sostituì il simbolo occulto del “sole nero”, che veniva usato nei rituali delle SS e decorava il pavimento del castello dell’ordine a Wewelsburg. Tuttavia, all’epoca, gli Azoviti non si preoccupavano di cercare di spiegare come il “sole nero” avesse radici nazionali ucraine.

Wolfsangel (“gancio del lupo”). in origine era un segno rappresentante una trappola per lupi, a seguito di una rivolta popolare in Germania, si trasformò in segno distintivo di libertà ed indipendenza. Nel XX secolo fu l’emblema iniziale del Partito Nazista e successivamente di diverse divisioni militari tra cui la 2. SS-Panzer-Division “Das Reich” e la 4. SS-Polizei-Panzergrenadier-Division della Waffen-SS

Il rifiuto del Wolfsangel è chiaramente inteso a consentire di dire: “Sì, in Azov c’erano elementi di estrema destra, ma ora è tutto nel passato. Il reggimento va avanti con nuovi simboli e nuove idee”.
Tuttavia, questo non è il caso. Al contrario, il rebranding mostra che Azov ha solo rafforzato la sua ideologia, diventando più matura e scartando l’indignazione giovanile insieme al suo simbolismo nazista, che allude a un’ideologia che il reggimento, come organizzazione, non ha mai veramente condiviso. Per capire questo, è sufficiente guardare ad Azov non solo come un movimento militare, ma anche un progetto politico.

Militari del Battaglione Azov coi simboli della NATO e del nazismo

Azov è stata fondata da estremisti che si facevano passare per patrioti ucraini. Questa organizzazione aveva sede a Kharkov, una città nel nord-est del paese, che ha sempre avuto una popolazione prevalentemente di lingua russa. Pertanto, il marchio di nazionalismo di Azov era diverso. A differenza dei nazionalisti ucraini, non si sono concentrati su questioni relative alla lingua, all’etnia o alla religione dell’Ucraina. Percepivano la nazione come un progetto statalista nello spirito del fascismo italiano. In realtà, il principale ideologo del patriota ucraino, il pubblicista ucraino del 20° secolo Dmitry Dontsov (le cui idee hanno avuto anche una grande influenza sui collaboratori nazisti dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini), ha definito la sua ideologia di “nazionalismo integrale” la versione ucraina del nazionalismo sviluppata nel 1920, facendo ripetutamente riferimento alle opere di Benito Mussolini e Giovanni Gentile, i principali autori del fascismo.
Allo stesso tempo, Dontsov ha equiparato i concetti di nazione e razza. Quest’ultimo lo divise in razze padrona e schiava. Secondo Dontsov, gli ucraini sono una razza di padroni, mentre i russi sono una razza di schiavi che cercano di schiavizzare gli ucraini. Lo scontro tra ucraini e russi è di natura assoluta ed esistenziale e può finire solo con la distruzione di una delle parti, credeva Dontsov. Il romanticismo gioca un ruolo chiave in questa lotta, che definisce come la volontà di sacrificio, la coerenza della volontà di più individui di raggiungere il potere e dirigere tutti gli sforzi verso un unico obiettivo: la costruzione di una nazione ucraina. È questo romanticismo che assicura che l’individuo appartenga al tutto collettivo e diriga la nazione sulla via dell’espansione.
Il romanticismo di Dontsov si basa sul mito della “battaglia finale” del paganesimo tedesco-scandinavo. In questo scenario, la distruzione del mondo e la sua successiva rinascita arriveranno. Il culto dell’idea sposata in questo mito deve assumere la forma di fanatismo religioso. Questo è l’unico modo in cui un’idea può penetrare nel santuario interiore del carattere di una persona e portare a ciò che Dontsov chiama una rivoluzione radicale nella psiche umana.
L’aggressività verso i portatori di altri punti di vista dovrebbe essere generata in aderenti a questa idea, permettendo loro di rifiutare la moralità universale e le idee sul bene e sul male. La nuova morale dovrebbe essere anti-umanista, basata solo sulla volontà di prendere il potere. Gli interessi personali devono sottomettersi al bene comune, tutto ciò che rende la nazione più forte deve essere considerato etico e tutto ciò che lo impedisce deve essere dichiarato immorale.
Il concetto di Dontsov è completamente elitario. Per lui, il popolo è solo una massa inerte senza volontà indipendente. Le masse sono private della capacità di sviluppare le proprie idee, possono solo assorbirle passivamente. Il ruolo principale è riservato alla minoranza attiva, cioè un gruppo capace di formulare un’idea per le masse inconsce che sia facile da capire e le motiva a impegnarsi nella lotta. La minoranza attiva dovrebbe sempre essere a capo della nazione, secondo Dontsov.
Ciò che gli Azoviti presero dai nazisti tedeschi fu la loro strategia per raggiungere il potere. Hanno cercato di creare uno “stato ombra nello stato” che avrebbe dovuto prendere il controllo di tutte le istituzioni governative in un momento di acuta crisi politica. Un’enorme rete di organizzazioni civili è cresciuta intorno al reggimento Azov negli otto anni della sua esistenza. Questi includono editori di libri, progetti educativi, club scout, palestre e altre associazioni. Ha anche un proprio partito politico, il Corpo Nazionale, con un’ala paramilitare soprannominata la Milizia Nazionale. I veterani del reggimento svolgono un ruolo chiave qui.
Con l’aiuto di queste organizzazioni, le reclute sono state arruolate sia per il reggimento stesso che per il movimento civile di Azov. I veterani di Azov si sono anche uniti attivamente alle forze armate ucraine e alle forze dell’ordine, tra cui la polizia, l’esercito e il servizio di sicurezza, dove hanno continuato a diffondere l’ideologia di Azov del nazionalismo integrale.
Una seria componente rituale permea tutti gli aspetti della vita all’interno dello stesso reggimento Azov e del suo movimento civile. Le tre spade ora raffigurate sugli stemmi “nuovo” Azov sono in realtà un riflesso di un simbolo abbastanza tangibile. Un complesso cerimoniale con tre spade di legno fu costruito nella base principale di Azov nella città di Urzuf vicino a Mariupol, dove venivano eseguiti quasi tutti i rituali del reggimento. Il più significativo di questi è la commemorazione dei compagni caduti. Durante il rituale, gli Azoviti stanno in piedi con scudi e torce di legno. Gli scudi portano i simboli principali del reggimento: il “sole nero” e il Wolfsangel, così come i nomi dei membri caduti. Il maestro della cerimonia chiama ciascuno dei loro nomi, dopo di che un soldato con lo scudo corrispondente accende una luce commemorativa e dice “Ricordiamo!” a cui gli altri rispondono: “Ci vendicheremo!” Questo rituale non è un’invenzione originale. Gli Azoviti lo presero in prestito dai fascisti italiani del 1920, che lo chiamarono Presente! Questo e altri rituali sono stati sviluppati da una speciale unità ideologica all’interno di Azov, il servizio “Alfiere”.
In effetti, la scelta delle tre spade come nuovo simbolo è eloquente. Una nuova generazione sta entrando nelle prime posizioni di Azov. Questi non sono più i tifosi di calcio chiassosi che una volta crearono il battaglione e per i quali sfoggiare simboli delle SS e sputare l’ideologia nazista era una forma di protesta. Ora, lo spettacolo è gestito da persone che sono state cresciute all’interno del sistema Azov con l’ideologia del nazionalismo integrale di Azov. I legami con l’ultradestra europea, il cosiddetto movimento “nazionalista bianco”, non sono più così importanti per loro. Il centro della loro visione del mondo è lo stato ucraino e la nazione ucraina, condannata a combattere sia contro la Russia che contro i valori liberali dell’Occidente. Naturalmente, per gli Azoviti, la parte migliore della nazione ucraina sono loro stessi.
La resa della parte principale del reggimento ad Azovstal ha solo cristallizzato l’ideologia Azov. Per gli azoviti, l’attuale conflitto russo-ucraino è diventato la “battaglia finale” molto escatologica raffigurata nell’opera di Wagner. Deve essere condotto contro i russi e l’Occidente liberale, che non vuole fornire abbastanza assistenza militare o entrare in uno scontro aperto con Mosca. Se necessario, sarà persino condotto contro il suo stesso governo, che ha promesso di evacuare i difensori di Azovstal ma non ha mantenuto la parola. L’ultima battaglia deve essere combattuta fino alla fine, e agli Azoviti non potrebbe importare di meno di quanti cittadini ucraini bruceranno nel suo fuoco in nome dell’imposizione della loro “Idea Nazionale”.

Lascia un commento

0:00
0:00