I neonazisti giustiziano un membro della delegazione di pace ucraina

Il banchiere Denis Kireev, membro della delegazione ufficiale di Kiev ai colloqui di pace russo-ucraini di Minsk, al rientro in Ucraina è stato giustiziato per tradimento. È stato abbattuto in pieno centro a Kiev dal SBU (servizio segreto ucraino). Era sospettato di essere un «sabotatore russo». Il ministro ucraino della Difesa ne ha confermato la morte. I neonazisti considerano «sabotatore russo» chiunque riconosca l'esistenza di legami familiari e culturali tra russi e ucraini. Secondo loro (…)Articolo originale

Lascia un commento

0:00
0:00